Comunicare i valori: uno schema di due assi

Comunicare i valori

Spesso i miei clienti vengono da me chiedendomi come possono migliorare la comunicazione, o quali canali sono più efficienti per il loro progetto.
È importante considerare che la comunicazione è una combinazione di azioni e di messaggi coerenti che, lanciati attraverso dei canali, devono arrivare ad avere un impatto sui destinatari.
Senza questo impatto, la comunicazione non è efficace.
Ma l’efficacia della comunicazione non nasce solamente da aspetti tecnici o tecnologici. Certo è necessario costruire un messaggio ben fatto e trasmetterlo nei canali appropriati, ma questi due aspetti sono a loro volta il risultato di un processo previo fondamentale. Un processo che nasce dai valori.
In un articolo pubblicato recentemente da Yolanda Roman, collega specializzata in comunicazione corporativa, proponeva uno schema che voglio qui condividere.

 

Lo schema per comunicare i valori

Possiamo dire che comunicare i valori è una sfida che richiede diversi passi:

– Passo 1: identificare e ordinare per importanza, i valori dell’azienda, dell’associazione, dell’organizzazione, o anche quelli personali se stiamo lavorando per migliorare la comunicazione interpersonale. La metodologia del coaching dei valori (Coaching by Values) offre uno strumento semplice ed efficace per realizzare questo primo passo, The Value of Values. Puoi vedere qui maggiori informazioni: https://www.coachingbyvalues.it/il-valore-dei-valori/

– Passo 2: Questi valori che abbiamo identificato, nella misura in cui sono “valori vissuti”, o anche “valori in azione”, daranno senso e vita alla nostra comunicazione in tutto il suo ciclo. Comunicare i valori non significa parlare di concetti astratti ma di identificare le spinte che ci portano a dei comportamenti concreti. Tali comportamenti devono essere prima di tutto, coerenti con tali valori. E in quanto tali, si manifesteranno in azioni costanti, valide da una parte, e azioni chiare e comprensibili dall’altro lato.

– Passo 3: Queste due caratteristiche, la costanza e la chiarezza che ci spingono a comunicare i valori, avranno un impatto sulle nostre azioni in due ambiti concreti: la costanza prenderà forma in una strategia (coerente, appunto). La chiarezza ci porterà a concretare il proposito della nostra azione comunicativa.

– Passo 4: Comunicare i valori, come qualsiasi altro tipo di comunicazione, nasce dall’interazione di più persone, per questo è vitale che verifichiamo che quello che abbiamo pensato e disegnato abbia senso per i nostri destinatari. La verifica avviene ascoltando ciò che i destinatari della comunicazione pensano, dicono e si aspettano. La chiarezza e il proposito che ci spinge a comunicare i valori, rispondono effettivamente a ciò che i destinatari della nostra comunicazione stanno cercando? Stiamo usando le parole che i nostri destinatari usano?
E rispetto alle azioni costanti e valide che prendono forma in una strategia, dovremo confermare che abbiamo creato una pianificazione per comunicare i valori e che siamo in grado di portarla avanti (con coerenza, che è il fattore chiave di questo schema).

– Passo 5: Allora, fino qui abbiamo identificato i valori, verificato che le nostre azioni sono costanti, chiare e coerenti. La costanza ha preso la forma di una strategia e una pianificazione che ha senso per i destinatari a cui vogliamo comunicare i valori. E questo perché abbiamo chiari il nostro proposito e sappiamo ascoltare il mercato, i clienti, le parti interessate, e anche gli impiegati e i collaboratori internamente. A questo punto, in questo passo 5, abbiamo tutti gli elementi necessari per disegnare il messaggio e le azioni necessarie per comunicare i valori.

– Passo 6: Solo in questo momento, con la chiarezza che ci viene dalla coerenza con i nostri valori, l’ascolto, la visione strategica, la pianificazione delle azioni e un disegno del messaggio che risponde a questa sequenza, possiamo scegliere i canali.

Perché come dice Yolanda nella sua proposta, ascoltare è fondamentale per comunicare. L’ascolto nasce da una scelta, dal grado di coerenza nel voler comunicare i valori, e dalla piena coscienza di quali sono questi valori che vogliamo trasmettere. “L’ascolto è il prezzo a pagare per la coerenza, un filtro per il proposito e un semplificatore del messaggio.”

Per saperne di più
Se vuoi sapere di più sulla metodologia Coaching by Values, il coaching dei valori, guarda la nostra agenda formativa qui: Agenda Formativa
Se vuoi formarti nel coaching dei valori, iscriviti alla prossima Certificazione Internazionale Coaching by Values, riconosciuta dalla International Coach Federation con 20 crediti di formazione continua CCE. A Milano il 17, 18 e 19 maggio 2019. Qui trovi maggiori informazioni: Certificazione Internazionale Milano 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *